LETTORI FISSI

martedì 24 gennaio 2017

NEBBIA 2


Tra le nebbie del bosco
sagome alate oscillano pause
si stagliano certezze oscure
è intervallo il tuo silenzio
ormai trasformato in pietra.

Vi sono contorsioni di residui
al centro di una strana isola umida
dove radici immerse creano cerchi magici.
Ai confini speculari della pozza
si tuffano rami
nuotano lenti come  i miei ricordi
C’è una matrice di bassezza
in tutto quello che si è smarrito..

NEBBIA D'INVERNO




Nebbia d’inverno
Ecco è accaduto, di nuovo!
Il passaggio per il fiume non è più visibile
Il campo finisce  sotto un velo grigio.
Confini sfumati
compongono un  mistero femminile
Nella  nebbia armonizzante
c’è una lieve umidità dove tutto si appiana
speranze, delicati fili verdi
germogliano sorridendo
nascondendosi fra mille orme sfumate.


lunedì 19 dicembre 2016

BLOG IN PAUSA







Un caro augurio di Buone Feste a tutti gli amici e a coloro che si soffermano sul mio blog. Sarò assente fine alla prima settimana del 2017.


sabato 3 dicembre 2016

Amara visibilità primo dicembre 16

 1/12/16 -incendio alla raffineria di Sannazzaro (pv)

Nel più caldo degli autunni
qualcosa accende l’orizzonte
bruciano ali, idrocarburi
ha poca nebbia il giorno
brandelli d’ amara visibilità
la raffineria brucia, si ferma
sfrigola luminosa impotenza
e solo per un’ora  abita in mille case…

In strada donne e uomini
lampeggiano paura, cercano conferme
calcolando distanze e fraternità
forme di falco salgono tra i comignoli
il fumo nero s’ammanta di veleni
uccide illusioni d’ossigeno
sconcertante offerta.
Ha fiamme rotonde l'ignoto
sfide di larghezza

nell'azzurro  soffiano capelli neri 
la terra accoglie
la fine mostruosa del catrame.
Il fumo oggi è protagonista
nella valle in attesa di pace
scintilla il calendario
oggi solo il fiume che scorre coi ricordi
si fa beffe delle nubi colme di ceneri
infide, basse e oscure…

mercoledì 30 novembre 2016

BUCATO D'ANIMA



Ho deposto un fiore su strade vuote
selce dura
qualcuno l’ha raccolto
è chiave che  apre stanze
dove coltelli e pane si amano
scandendo atmosfere sensuali.
Alla finestra 
ho fissato  con  mollette di legno
il bucato d’anima
lenzuola colorate, arcobaleni;
braccia senza capo
si sporgono verso i sassi
gocciolando latte e vita
asciugando piano.
È così semplice affacciarsi ancora
tirando fili di sorrisi
e lavarsi le mani
raccogliendo giocattoli rotti…

venerdì 25 novembre 2016

QUEL PIANGERSI ADDOSSO






Quel piangersi addosso
non lo sopporto più.
Stringono una maschera tra le mani
quando si dirigono tese, con scarsi sorrisi
verso grigiastri vapori ...

Chi sono? Donne che alzano bandiera bianca
ma hanno guanti di pizzo, e ombre da assecondare.
Mete da raggiungere, trattative
di vanesio trasgredire e libertà da legami.

Camminano su un ponte d’assi fragili.
A volte, spinte cadono in acqua
a volte si tuffano
e il pianto diventa mare.




mercoledì 31 agosto 2016

INDIZI

 

































Ho scritto  con te 
una poesia a quattro mani
che non trova la chiusa
indizi 
per una mappa stellare
dove speravamo di non smarrirci
nella paura del domani
nell’incertezza dell’inconoscibile.


http://rosannagazzaniga.scrivere.info/index.php?poesia=421974&t=Indizi

giovedì 25 agosto 2016

TERREMOTO - lastre d'eternità




Nessun occhio
contiene l’indizio dei  commiati

Alla vigilia del vuoto
l’estate
urla dolore e gioia

Il freddo
unisce corpi indeboliti
stelle impenetrabili
resti
e voci impolverate.

Sentieri oltre l’argine
hanno lastre d’eternità
e ai lati
mattoni spezzati
arsi dal sole
che qualcuno conterà
che forse userà ancora.

Si piange d’emozione
al mattino, toccando
chi ancora vive…