LETTORI FISSI

lunedì 22 maggio 2017

�� "Nelle notti buie" - di Cesare Borroni ��




Ci hai lasciati qui Cesare.

In silenzio, con un sorriso e una poesia.

Cesare, mi mancherai moltissimo.


Mi mancherà la tua delicata e  sensibile presenza
la tua Arte capace di donare gioia e serenità!  

Una preghiera dal cuore per te Cesare...

venerdì 19 maggio 2017

SEI LA PORTA




Sei la porta dalle maniglie 
d’acciaio e nubi
che apro con guanti scuri...

Una ringhiera mi protegge 
dal salto sui riflessi
che spezzano l’estesa fiumana 
dell’adesso che oscilla

e si infrange sugli scogli 
in una  ballata triste,  spento di 
poesia

io non posso fare nulla per  te.



domenica 7 maggio 2017

VARCHI



Non escono parole 
la tua porta è chiusa.

Io sono un sussurro
mentre cupo, il tuo sguardo 
ha le facili coordinate
della solitudine.

Qualcuno divora il tuo mondo
Dimmi,
dove vai quando varchi
il silenzioso sotterraneo della fuga?


lunedì 1 maggio 2017

FALSI DI VETRO



All' andata sull' argine,  l'ombra mi segue
ma al ritorno 
mi indica la strada.

Il mio rifugio nella geografia dei vivi
è così chiaro e solitario
che a volte accolgo lieta
lo strepito dell' argine ventoso
dove si sferza la realtà
e si seccano foglie e fiori .

Nulla si ferma a lungo tra le nostre braccia
ombre di grandi alberi
danzano geometrie imperfette. 

In distanza la casa sembra avere pareti di vetro
qualcosa si muove all' interno
ma fatti cento passi cade l'illusione
e i corpi falsi brillano lamiera.


Nella vecchia casa più nessuno 
danza
quello che fu costruito è ormai sconosciuto
     
Antiche pietre nel loro sgretolarsi
parlano alla vite abbarbicata
e al nocciolo gigante 
piangendo sulle regole del mondo...

giovedì 27 aprile 2017

ACQUE SUPERIORI (impressioni)



Rifulgono di sole onde
e colline fatte di nubi

Il paesaggio alto 
sull'orizzonte è di un  altro 
mondo
acque superiori.

Mi è  familiare il sollevarsi di 
vapori
l'assenza  di case
la fuga di ogni contorno
il conforto
dei dettagli  elusi. 

domenica 23 aprile 2017

ESITI


Le ore ritornano su se stesse
rondini abitudinarie
nel buio di un orologio cosmico

Lasciano un lieve tocco, fili annodati
a un cuore di spine
circondato da profumi viola

Da un calice dorato
rovesciato sul fianco
esce un lungo filo rosso

Nel tempo che scorre
la pace lenisce ma poi diventa
indifferenza

Quasi senza rumore
ricrescono  guerra e  odio
semi del male
e il  dolore di un avvenire diverso
dai sogni fatti diventa soffocato lamento...



sabato 22 aprile 2017

TU


TU
Terra rara di pace…
Nei tuoi sali  c’è un verde
che allega 
pesi diversi  di secrezioni
induriti bozzoli di 
albuminose vite.

martedì 24 gennaio 2017

NEBBIA 2


Tra le nebbie del bosco
sagome alate oscillano pause
si stagliano certezze oscure
è intervallo il tuo silenzio
ormai trasformato in pietra.

Vi sono contorsioni di residui
al centro di una strana isola umida
dove radici immerse creano cerchi magici.
Ai confini speculari della pozza
si tuffano rami
nuotano lenti come  i miei ricordi
C’è una matrice di bassezza
in tutto quello che si è smarrito..