LETTORI FISSI

mercoledì 7 giugno 2017

NATURA MORTA




Eva Antonini - sculture

Il violino mostra l’esterno
pancia lucida e corde tese ristagnano
su un alto re.
Ascolto un brusio d’abisso
sul bisso che si illumina
La luce brilla anche sugli acini.
La vanità è sazia
nei fianchi il desiderio può placarsi.

L’ultimo dono d’una conchiglia rara
è un residuo di pelle fina.
Sul bisso
mele giallognole hanno occhi chiusi.
accenti circonflessi come foglie immobili
cadono su gherigli  vuoti…
lo sfondo è cupo
si accentuano chiaro-scuri
nel triangolo scaleno dell’inguine.

Con l’aiuto dei pugni chiusi
cancello impronte inquiete
pseudonimi,  censori d’eros
e altre prospettive sulla grandezza della memoria

Di chi potrei fidarmi ora? non dei corpi
non del mio corpo…
Posta un commento