LETTORI FISSI

martedì 26 gennaio 2016

RICORDARE LA LUCE (olocausto) di rosanna gazzaniga (Sociale)




 




Cinque dita soltanto si aprirono in un mondo in ginocchio
distogliendo gli occhi dalla pena
salvando con un rifiuto.
E gli altri?
E oggi?
E quando morirà ogni testimone?
Se a destra una mano scelse
il lavoro, vita, ARBEIT MACHT FREI
a sinistra morirono gli altri.

Sui passi della paura
tozzi di pane gettati dalle  finestre:
compassione ai cani
e mai furono trasformati in mille pani e mille pesci.
Lo sapevano gli ideologi, i medici e gli psicologi
come si uccide un uomo.
- Presto andrete a casa, nudi, così siete nati -
basta togliere la colla messa in abbondanza:
sotto la pelle, fame
l’involucro si rompe, piastrella sgretolata
un numero, messo lì tatuato
ché non succeda di scordarlo.

Il numero è tranquillo, giace su una pagina rossa
È nero, magro di vita, tace;
gioca sporco e vince la paura, perde ai punti la dignità
ogni fraternità svanisce
tra l’odore di fumo e lo spettro del sapone
vibrante è solo la fame.
Milioni, uomini sparsi, miti e zitti: dal male cosa si impara?
Forse a stare uniti, gridare insieme e ricordare
ma ai figli di ieri, a quelli di oggi, Tommaso insegna:
impareranno a credere, quelli di domani?

Oh, l’umanità è famiglia
dentro germoglia il bene ma anche il male.
Nei libri è semplice: i buoni da una parte
dall’altra i cattivi, ma il cieco vede doppio.
Non ci sia permesso dimenticare
l’inverno o la primavera.
che nessuno dorma perché ogni luce,
ogni piccolo stella
si specchia soltanto nella fissità dell’acqua...



RICORDARE LA LUCE (olocausto) di rosanna gazzaniga (Sociale)
Gesti minimi, direzioni indicate con una mano, a volte  possono decidere vita e morte. Così i ricordi che quando non sono riproposti, respingono nel buio orrori e capacità di umane reazioni.
L’odio razziale giustifica purtroppo ancora oggi crimini e violenze  verso il popolo ebreo e altre minoranze. 
Mi hanno percorsa brividi ascoltando i racconti di coloro che hanno vissuto questa immane tragedia.
            La mia poesia, è un piccolo omaggio a tutte queste anime innocenti!

19 commenti:

  1. Testo stupendo , e assai delineato, che si sofferma su drammi storici di portata immensa, e che dimostrano, nella loro assurda realtà, la crudeltà dell'uomo, in un progetto insensato, e disumano,
    che mai potrà essere cancellato dalla memoria di tutti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del tuo graditissimo commento Silvia, un abbraccio e buona serata a te!

      Elimina
  2. Inizia una settimana serena e colma di cose belle
    Un abbraccio forte, silvia

    RispondiElimina
  3. Intense considerazioni di un dramma che ha segnato profondamente la nostra storia...crudeltà e insensatezza d'intenti hanno pregiudicato il vivere di tanti innocenti... Versi che delineano molto bene l'assurda realtà....
    Mai dimenticare!!
    Passa una buona giornata, e buon inizio settimana, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo riesce a mistificare ogni cosa...qualcuno dubita nelle distanze, e davvero occorre ricordare, ma quando i testimoni saranno svaniti, chissà....grazie del commento, buona serata e a presto.

      Elimina
  4. Una poesia molto intensa... grazie per questo tuo contributo a mantenere viva la memoria. Un abbraccio e buona settimana! Loretta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera Loretta, grazie della tua attenzione, che mi gratifica molto! a presto e buona serata!

      Elimina
  5. versi intensi, a ricordare il triste evento, la pura mattanza.Mi amareggia chi ancora oggi mette in dubbio l'Olocausto...importante ricordare anche quando non ci saranno più i testimoni, mai potrà essere dimenticato, un segno indelebile dentro di noi nessuno dimenticherà ! Emma lucchini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Emmalisa per il graditissimo commento e passaggio su mio blog. Vero, quello che più affligge .è la negazione. Buona giornata e a presto.

      Elimina
  6. Risposte
    1. Grazie, buona giornata a te, Cavaliere!

      Elimina
  7. Risposte
    1. Grazie Sinforosa per la gradita visita e commento. A presto.

      Elimina
  8. Non ho parole... ogni volta, mi trafigge il cuore, vedere e sentire cose che neanche le bestie farebbero...
    Complimenti per la tua STUPENDA poesia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Paola,è terribile ricordare e nemmeno basta purtroppo! Grazie per il tuo apprezzamento. Buona serata r a presto.

      Elimina
  9. Versi lancinanti,che arrivano all'anima, ti dico soltanto che ... vorrei averli scritti io !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Flora, per il tuo gratificante apprezzamento, che mi esalta! Un caro saluto e a presto.

      Elimina
  10. Una lirica intensa che grida l'indignazioe ed il dolore che hanno dovuto subire popoli discriminati da un popolo che, si sentiva eletto e di razza superiore. Purtroppo le ideologie distorte e gl'indottrinamenti di uomini succubi, portano a questi genocidi. Bravissima Rosanna, per la descrizione accurata che ne fai in questa lirica. Un caro saluto, Grazia

    RispondiElimina
  11. Grazie mille per il tuo commento e la visita Grazia! Un caro abbraccio e a presto!

    RispondiElimina