LETTORI FISSI

venerdì 12 dicembre 2014

GITA IN MONTAGNA

Una lacrima scorre per caso
evocata dal pudore di un gesto
La lascio libera di andare.
A lato della strada, alberi nudi
nidi scoperti ondeggiano vuoti
Vibrano cartacce appese ai cespugli
traccia, malafede sporca dentro ogni uomo.
Invano le butta
cercando di nasconderle
Basta l'inverno o un colpo di vento
per rivelarle...
*
Non sono mai aspri i profili
Visti da lontano sono onde dolci
Ma da vicino sono braccia che sfuggono
verso un cielo azzurro
alberi incapaci di estirpare radici.
*
Mi spoglio a metà salita
mi spoglio di tutto
Giorni in solitudine, rabbie liquide, errori
mi hanno cambiata
ma insisto in ogni percorso
Nei soliti ostacoli
alibi scaltriti, per ritorni meno umilianti...
Posta un commento