LETTORI FISSI

giovedì 20 novembre 2014

VERSO L'ARMONIA





La paura di vivere è vinta da mani alzate
dolcissime sul viso
e fiduciosi sguardi al cielo
consolati si brinda e si canta insieme
il tempo che sfarina.

Fili d’acciaio
si incrociano su tralicci vertiginosi 
di inconoscibili traguardi...
Uno sguardo può guarire il dolore
mentre un frammento grigio
illanguidisce  tra noi con occhiali d’osso.

Chi ha compreso la trasparenza di un sogno
guarda precipizi senza paura
cercando tenace un passaggio tra alte onde
di inquietudine…
*
Nulla è nostro tra un soffio di vita
e il circolo infinito
del  sorgere del sole.
Che strana la mia ombra sul prato
la testa ha attorno un enorme
alone luminoso.

Posta un commento