LETTORI FISSI

lunedì 24 marzo 2014

ACCADE la primavera (natura)






Accade in un attimo, ricordi e osservi
Ieri l’erba era più bassa,  il merlo più scuro.
E quel colore che gioca col vento?
Fiori, un assedio di fiori.
accade di risvegliarsi all’alba con un  profumo
forse di venerdì
forse al 21 di marzo tra suoni e luce diversi.
Mille primule si mettono in mostra
dall’acacia  in accordo vibrante
germogli duri e pentiti hanno dischiuso foglie

Fragranze leggere si levano  intorno
bisbigliano invisibili, trilli  scandagliano toni
abbracciandosi vibrano viole
giacinti e primule impattano il cordolo
spezie delicate, argine di colori.
mi guarda una miniatura antica
mi saggiano occhietti scuri
una lucertola sfuggente
scompare in fretta in una ruga di terra.
Si stiracchia le ali il vento
nevicano petali
è profumata l’ultima neve di primavera
ha un fruscio leggero come il mio sorriso.
Tu lo senti quel brivido?
Languidi impulsi
se  mi tocchi se  mi odori .
Chissà se anche i fiori lo provano nell’essere annusati
chissà se gemono nell’essere colti…
*
Nella luce che sfida le ombre
pensieri si espandono in un flusso di colori
oggi solo immagini di pace
sul marciapiede di fronte qualcuno scarta una caramella
e sorride.


Posta un commento