LETTORI FISSI

lunedì 1 maggio 2017

FALSI DI VETRO



All' andata sull' argine,  l'ombra mi segue
ma al ritorno 
mi indica la strada.

Il mio rifugio nella geografia dei vivi
è così chiaro e solitario
che a volte accolgo lieta
lo strepito dell' argine ventoso
dove si sferza la realtà
e si seccano foglie e fiori .

Nulla si ferma a lungo tra le nostre braccia
ombre di grandi alberi
danzano geometrie imperfette. 

In distanza la casa sembra avere pareti di vetro
qualcosa si muove all' interno
ma fatti cento passi cade l'illusione
e i corpi falsi brillano lamiera.


Nella vecchia casa più nessuno 
danza
quello che fu costruito è ormai sconosciuto
     
Antiche pietre nel loro sgretolarsi
parlano alla vite abbarbicata
e al nocciolo gigante 
piangendo sulle regole del mondo...

8 commenti:

  1. Un guardarsi dentro e fuori in questi versi che sanno d'intense, piccole e grandi cose che s'incontrano nell'argine della vita ed imprimono sensazioni ed emozioni che vengono riflesse da ciò che noi assorbiamo della natura, di vite ormai passate, di dimore disabitate, di ombre che ci seguono ed accompagnano ad indicarci la via dell'apprendimento e della riflessione. Versi incantevoli che ho gradito leggere. Sempre al top le tue opere. Un caro saluto ed un abbraccio Rosanna, Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono considerazioni fatte durante la mia consueta passeggiata su vecchi sentieri...grazie carissima, a presto e buona serata!

      Elimina
  2. Olá Rosanna.
    Parabéns por este teu belo poema, que se inicia com versos belos como estes, que transcrevo:

    All' andata sull' argine, l'ombra mi segue
    ma al ritorno quando rientro
    mi indica la strada.


    Uma ótima semana.
    Um abraço.
    Pedro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la visita e l'apprezzamento Pedro! Buona settimana a te e a presto!

      Elimina
  3. Sua arte também merece um elogio! Excelente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arnaldo grazie mille, sei gentilissimo! Buona settimana a te.

      Elimina
  4. Emozioni interiori, in un percorso dentro la natura, che separa
    dall'abitazione e in quel frangente ombre e ricordi del passato
    si susseguono, in un'illusione ottica, che svanisce, nei passi del rientro a casa
    Versi molto belli,buon martedì e un abbraccio carissima,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così Silvia illusioni ottiche che per un attimo donano un brivido di inquietudine! A presto e buona serata!

      Elimina