LETTORI FISSI

giovedì 25 agosto 2016

TERREMOTO - lastre d'eternità




Nessun occhio
contiene l’indizio dei  commiati

Alla vigilia del vuoto
l’estate
urla dolore e gioia

Il freddo
unisce corpi indeboliti
stelle impenetrabili
resti
e voci impolverate.

Sentieri oltre l’argine
hanno lastre d’eternità
e ai lati
mattoni spezzati
arsi dal sole
che qualcuno conterà
che forse userà ancora.

Si piange d’emozione
al mattino, toccando
chi ancora vive…

3 commenti:

  1. Disastri che si ripetono falciando vite, cancellando paesi, Dove accade lutti immani e gente smarrita chiedendosi perché la terra si ribelli. Purtroppo l'Italia è un paese ad alta densità sismica e ci rendiamo conto che dobbiamo conviverci con questo scempio. Speriamo che questa volta, chi di dovere si dia da fare per soccorrere e sistemare in modo decoroso questa povera gente e che non ci siano i soliti balletti e le solite truffe a discapito di gente indifesa e sofferente. Sempre brava ed attenta al sociale cara Rosanna.

    RispondiElimina
  2. Sei brava, c'è poco da fare, sei brava.

    RispondiElimina
  3. Un dramma incontenibile, cui ci sottopone, senza pietà la terra, togliendo una parte essenziale di vita, a chi fortunamente,è superstite d'una catastrofe naturale
    Versi molto apprezzati, un abbraccio Rosanna, silvia

    RispondiElimina