LETTORI FISSI

venerdì 28 agosto 2015

AL SOLE



Perdo Sali, scendo al di sotto
dell’equilibrio
mi allontano dalla solita identità
esposto vivere, tensioni d’avorio
da quella troppa luce che uccide.

Veli caduti
scrivono di grandi amori
mentre vivono mediocri solitudini…
Chiudo col polistirolo finestre e porte
soffi bollenti opprimono senza tregua
ma io isolo tutto
fessure di luce da porte blindate
voli nuziali di piccioni sul tetto
nego anche gli anni migliori
e consegno al silenzio mille voci:
affermano