LETTORI FISSI

lunedì 30 marzo 2015

LENTEZZE


Scultura Giuseppe Sanmartino - Cristo velato - 1753


Con un processo lento la grazia colpisce

si aprono cancelli


si salgono scale


la vita è scritta tra un gotico percorso


nei muri del silenzio interiore.


Una voce potente si leva:

chi mi sta parlando dal pozzo?


http://rosannagazzaniga.scrivere.info/index.php…


Nota alla scultura:

Raimondo di Sangro il committente dell'opera, VII principe di  Sansevero di Napoli 1710-1771,  con un documento ordina il pagamento di 50 scudi, al Magnifico Giuseppe Sanmartino, somma per il lavoro svolto.

La perfezione dell'opera e la personalità del committente, -scienziato,alchimista, esoterista, inventore- insinuò il dubbio che si trattasse di un'opera di alchimia e i suoi numerosi esperimenti di metallizzazione del circolo sanguino, sembrerebbero confermarlo...

13 commenti:

  1. ...nei muri del silenzio interiore" bellissima strofa che colpisce.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Una lirica che affascina e coinvolge, come l'immagine del Cristo velato. Stupenda! Un caro saluto e un abbraccio Stefania

    RispondiElimina
  3. Una voce che sale dalle profondità del mondo interiore si potrà ascoltare solo nel grande silenzio, là allora la grazia arriverà forse a colpire. Sarà prima - o per merito - della morte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merito della morte interiore del superfluo e della conseguente resurrezione...grazie Luigi, a presto.

      Elimina
  4. Grazie cari amici del vostro passaggio e commento! La grazia, quello stato d'animo colmo di commozione, gioia, serenità e apertura verso tutto il mondo tramite la consapevolezza della comunione con quel Dio sconosciuto e creatore della vita, è qualcosa di ben distante dalla morte fisica. Direi che piuttosto deriva dalla morte interiore di un mondo che si percepiva superfluo...
    un abbraccio a tutti e Buona Pasqua a chi legge!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosanna, arrivare alla consapevolezza di comunione con il "nostro" Dio è il cammino cui siamo chiamati. Di molte cose ci dobbiamo liberare, la libertà definitiva sarà quando il nostro grazie si sarà fatto grazia. Un abbraccio e Buona Pasqua.

      Elimina
    2. Un abbraccio a te Luigi, ancora complimenti per le tue incantevoli opere!

      Elimina
  5. La grazia è uno stato dell'anima che si conquista molto spesso con la meditazione ed il silenzio. E' un lavoro fatto da noi stessi verso il nostro io. Bella lirica e belle riflessioni sul Cristo Velato. Buona Pasqua a te Rosanna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Grazia, ti leggo con piacere, grazie della tua attenzione, a presto e augurissimi per una Pasqua serena.

      Elimina
  6. Bellissime strofe, auguro a te una serena Pasqua!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ella per l'apprezzamento, gentilissima! Augurissimi a te.

      Elimina
  7. Tanti cari auguri di Buona Pasqua, serenità e pace e un abbraccio Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania, gentilissima, augurissimi a te!

      Elimina