LETTORI FISSI

lunedì 9 settembre 2013

L'agonia del pino - Poesia di rosanna gazzaniga (Natura)



Quei rami protesi
nudi, dalle dita monche
senza più linfa che gocciola
giganti mozzati
dalla stupidità dell’uomo
che sperava di modellare l’alto pino
sovrastante lo sfacciato biancore
della casa pretenziosa;
sembrano mani giunte
preghiera ai corvi
che nemmeno si posano.
Nessun volo può più umettarne
le foglie
sparse sulla terra
come pungenti lacrime
lui, non conoscerà l’ingiuria del tempo.
E’ lontano lo svelto correre
degli scoiattoli e il litigio dei merli
solo la tenace edera
avvolge l’avvilito tronco
in un abbraccio mortale
a suggerne l’ultimo respiro…

L'agonia del pino - Poesia di rosanna gazzaniga (Natura)